Ritorna in forma con la Dieta Dukan

Tavolo con 3 piatti con fette di pane, verdure e pesce crudo

La dieta Dukan è uno schema alimentare per dimagrire velocemente, privilegiando le proteine che hanno il vantaggio di essere poco caloriche e saziare in fretta. La dieta Dukan è quindi un regime alimentare iperproteico di breve durata, che permette di dimagrire in tempi rapidi ma con gravi rischi per la salute, come l’affaticamento di fegato e reni. Inoltre, una dieta così sbilanciata conduce a una diseducazione alimentare e a rischi seri di salute se fatta per lunghi periodo di tempo. Vediamo da dove nasce questa famosa e discussa dieta dimagrante e capiamo le sue vere controindicazioni.

Cos’è la dieta Dukan

Questa dieta iperproteica prende il nome dall’ex medico nutrizionista francese Pierre Dukan che, nonostante le critiche e i dibattiti, è diventata tra il 2010 e il 2011 la dieta più seguita al mondo, grazie anche alle persone dello showbiz che la seguivano. Infatti, la dieta Dukan può annoverare tra i suoi seguaci celebrità del calibro di Jennifer Lopez, Gisele Bündchen e Kate Middleton, che ha seguito questo regime alimentare per essere perfetta e pronta per le nozze con il principe William.

Schema alimentare e il principio del giusto peso

Il regime alimentare della dieta Dukan prevede 4 fasi, due fasi per perdere peso e due fasi per il consolidamento, ossia per stabilizzare il giusto peso. È stata fornita una lista di 100 alimenti con i quali comporre il proprio menù giornaliero, decidendo quantità e tempi di consumo, senza limiti prestabiliti e riuscendo a perdere velocemente peso. Il peso che si vuole ottenere è diverso per tutti e dipende da vari fattori:

  • età e sesso;
  • caratteristiche personali;
  • fattori ereditari;
  • corporatura;
  • peso massimo, medio, minimo e desiderato;
  • numero di gravidanze per le donne.

Cosa mangiare: i 100 alimenti autorizzati dalla dieta Dukan

La lista di alimenti prevede per la maggior parte proteine, da consumare in quantità illimitate e a piacimento. I 72 alimenti fonti di proteine sono:

  • carne di manzo, maiale, vitello, cavallo);
  • carne di pollo, tacchino, piccione, faraone, struzzo;
  • pesce azzurro come merluzzo e orata;
  • frutti di mare come cozze e capesante;
  • derivati animali come latticini e uova;
  • proteine vegetali (tofu, seitan…).

Gli altri 28 alimenti di origine vegetale sono per la maggior parte verdura a foglia e tuberi, quali carota, cipolla carciofo, cavolfiore, asparagi, broccoli e così via. Fondamentale è il consumo della crusca d’avena per integrare le fibre necessarie.

La panificazione delle 4 fasi e gli alimenti previsti nella dieta Dukan

Tabella pianificazione dieta Dukan

Si inizia con la fase di attacco, l’approccio iniziale e il più motivante: dura tra i 2 e 7 giorni e si perdono fino a 4 kg. Sono concessi solo i 72 alimenti proteici che attivano e mantengono la massa muscolare e costringono il corpo a cercare l’energia bruciando i grassi. Vietato l’utilizzo dell’olio, ma via libera ad aceto, sale, limone, spezie ed erbe aromatiche. Integrare le fibre con 1 cucchiaio e mezzo d’avena al giorno. Per azionare il sistema si devono fare 20 minuti al giorno di sport.

La seconda è la fase crociera nella quale si introducono le 28 verdure raccomandate. È necessario assumere 2 cucchiai d’avena e bere molta acqua per eliminare le tossine. L’attività fisica prevista arriva a 30 minuti al giorno. Questa è la fase più lunga e termina al raggiungimento del peso ideale.

La fase di consolidamento è la terza dove si cominciano a reintrodurre progressivamente alimenti più energici e gustosi come frutta, pane integrale, formaggio, farinacei. Il giovedì è il giorno delle sole proteine, per conservare il giusto peso ed evitare l’effetto yo-yo. Si consumano 2 cucchiai e mezzo di avena con un’attività fisica di 25 minuti al giorno. Questa è una fase di transizione verso un’alimentazione spontanea e dura 10 giorni per ogni chilo perso.

L’ultima è la fase di stabilizzazione, dove si riprende un’alimentazione libera ma con alcuni vincoli:

  • il giovedì si mangiano solo proteine;
  • ogni giorno si consumano 3 cucchiai d’avena;
  • obbligatori 20 minuti di camminata al giorno.

Soltanto rispettando ogni fase prevista si riuscirà a mantenere il peso ideale e non riprendere i chili in eccesso. Inoltre, il trucco sta nella semplicità dell’attività fisica perché è possibile dimagrire camminando.

Dieta Dukan: controindicazioni e rischi per la salute

Essendo una dieta iperproteica e poco equilibrata rispetto alla dieta mediterranea, la dieta Dukan comporta molti rischi a livello soprattutto di organi primari, come fegato e reni:

  • l’eccesso proteico e la carenza di carboidrati, compromette la glicemia e danneggia i tessuti nervosi supportati dal glucosio. Si riscontano sintomi come debolezza, irascibilità, pressione bassa, carenza di vitamine e sali minerali dovuto a una escrezione eccessiva nelle urine e a un’iperproduttività di fegato e reni;
  • la carenza di fibre può portare a costipazione e a indebolimento dell’apparato digerente, con conseguente mancanza di vitamine fondamentali;
  • carenza di vitamine idrosolubili, minerali e molecole lipidiche derivate da frutta, verdura e alimenti ricchi di grassi rischia di danneggiare alcune funzionalità a livello neurologico e porta inevitabilmente a una carenza di vitamine liposolubili (A, D, C, K), vitamina C, acido ascorbico e magnesio;
  • il dimagrimento iniziale troppo rapido porta a disidratazione e rischi importanti, come la comparsa di colecisti e danni a carico di fegato e reni. Risulta quindi insostenibile nel lungo periodo portando a una diseducazione alimentare importante.

Ragazza che pensa seduta al tavolo apparecchiato per colazione con frutta, succo e dolci

Conclusioni

La dieta Dukan può essere efficace nel breve periodo per perdere velocemente peso e vedere risultati immediati, ma comporta gravi rischi per la salute. Inoltre, alcune categorie di persone non devono mai iniziare una dieta di questo tipo, come donne in gravidanza, diabetici, cardiopatici e in casi di insufficienza renale o epatica.

Ricordiamo di sentire il parere degli esperti e di farsi seguire da un medico nutrizionista per perdere correttamente peso e vivere in salute e in allegria!

Scritto da:
Chiara Pezzin